Storytelling #36. Con Paola l’amico a 4 zampe è felice anche al matrimonio

Chi ha o ha avuto la fortuna di vivere accanto a dei quattro zampe sa bene quanto l’amore che riceviamo da loro non possa essere quantificato. Coccoloni, fedeli e presenti, i cani diventano parte integrante della famiglia che li adotta. E, come membri della famiglia, perché non averli accanto in un momento speciale come quello delle nozze? Troppo impegnativo? Per fortuna esistono persone come Paola Pavesio, la wedding dog sitter di Sogni a Colori, che aiutano i futuri sposi a realizzare il sogno di avere un paggetto o una damigella super scodinzolanti. Avrete sentito parlare di lei negli ultimi tempi: un articolo uscito di recente sulla Stampa ha infatti scatenato un tam tam mediatico di non poco rilievo intorno alla figura e alla professione di Paola,  l’unica in Italia a far portare le fedi e il bouquet al cane senza guinzaglio, e a far battere il cinque alla fine dell’ arduo compito. Tutto ciò senza ridicolizzarlo: il rispetto del cane viene al primo posto. Proprio l’amore per i quattro zampe ha portato Paola ad intraprendere l’ insolito percorso nel 2010, dopo aver conosciuto il mondo dei wedding dog sitter tramite alcuni siti internet americani. Da hobby a secondo attività il passo è stato breve: il successo è stato immediato e le richieste in costante ed esplosiva crescita.

Fare il wedding dog sitter non è una moda, è un lavoro, e come tale va preso, specifica questa energica torinese proveniente dal mondo della comunicazione e dell’advertising, con alle spalle un’esperienza pluriennale nella prestigiosa agenzia Armando Testa. Un wedding dog sitter non deve essere improvvisato e proprio per questo motivo Paola tiene corsi di formazione online per insegnare l’abc del mestiere. Insegnare, capire se c’è stoffa, e qualora non ci fosse dire anche dei no. Per garantire una formazione completa si avvale inoltre della collaborazione di Francesca Petroso, educatrice cinofila che si occupa anche di pet therapy. Perché il cane è il migliore amico dell’uomo. Sì, anche nel giorno del matrimonio!

www.sogniacolori.com

leggi gli altri articoli di Federica De Benedictis su https://direfaremole.wordpress.com