Equilibrio, la collezione autunno inverno di Walter Dang: tra eleganza e comodità

Nell’abbigliamento, come nella vita, a volte si ha voglia di certezze e di stabilità. Nasce da questa considerazione la collezione autunno inverno di Walter Dang, non a caso intitolata Equilibrio. Capi avvolgenti e discreti inno alla femme active qui travaille: la donna vestita con eleganza per star comoda. Ogni dettaglio della collezione è pensato quindi per la praticità e il comfort di chi la indossa. Semplicità, ma con il dna della griffe per riscrivere il guardaroba di una donna determinata, magari sensuale ma senza bisogno di esibirlo, che ha voglia di essere a suo agio con soluzioni pratiche interessanti. Tutte da scoprire quindi le forme disegnate da Dang per questo autunno inverno, a partire dai cappotti, ormai cult a Torino, fino ad arrivare alle giacche senza bottoni portate su pantaloni dritti nel gioco del maschile al femminile. E poi scialli e poncho – anche di pizzo – capaci letteralmente di ondeggiare su gonne lunghe di lana e abiti in cashmere. I tessuti come il tweed in apparenza rigidi danno forza alla semplicità riequilibrata da applicazioni geometriche e da ricami e stampe di figure femminili stilizzate. I colori sono una sublimazione di nero, grigio acciaio, blu, bianco e beige che riconducono alla vita metropolitana. 

Come nasce l’ispirazione di questa collezione?
Diciamo subito che tutto tende a un equilibrio, anche se in senso stretto per qualcuno quell’equilibrio può essere visto come caos, disordine, eccesso. E la ricerca verso il proprio equilibrio è forse la strada più difficile nella vita di una persona. Qui voglio però restringere il discorso alla moda e all’abbigliamento dove la donna deve trovare il suo equilibrio tra ciò che sente e ciò che indossa. E forse ci sono sempre più donne che smarriscono questo pensiero, indossando mise poco adatte al loro spirito.

Cosa rappresenta per lei un abito?
Un capo d’abbigliamento per me è sempre stato espressione di libertà: un simbolo chiaro e diretto per affermare chi senti di essere. Oggi le donne sono attive, lavorano, sono più bisognose che mai di abiti utili e confortevoli. E il fashion designer non è neanche più solo un sarto, ma è diventato un abitologo: ovvero colui che pensa un abito per essere “abitato” per un’intera giornata da donne che hanno il tempo contato”.

In due parole la collezione Equilibrio…
La mia collezione autunno inverno 17/18 Equilibrio trae dunque ispirazione da qui, dalla constatazione che il mondo femminile è nuovamente cambiato. Un mondo che cerca armonia, linearità e semplicità e che cerca l’eleganza nella scelta del taglio, del tessuto e della composizione degli outfit.